Università degli Studi di Milano - Dipartimento di Diritto pubblico italiano e sovranazionale

DIReCT - Discrimination and Inequalities Research StrategiC Team

Con la collaborazione didattica e scientifica del Tribunale ordinario di Milano

Coordinatrice Scientifica - Prof.ssa Marilisa D'Amico
(Prof. Ordinario di Diritto costituzionale - Università degli Studi di Milano)

 

Corso di perfezionamento in Strumenti giuridici di prevenzione e repressione della violenza di genere

Il corso ha l’obiettivo di fornire ai partecipanti gli strumenti necessari per conoscere e comprendere il fenomeno della violenza di genere, in tutte le sue manifestazioni, approfondendo, in particolare, le problematiche di tipo giuridico, senza trascurare le necessarie nozioni di natura soprattutto piscologica e sociologica.
Dopo un inquadramento del fenomeno, anche con dati statistici, saranno esaminati i fattori di rischio della violenza di genere, per poi passare all’analisi degli strumenti giuridici offerti dal diritto, non solo penale, per prevenire e reprimere la violenza e supportare la vittima, alcuni dei quali ancora troppo poco conosciuti. Particolare spazio sarà assegnato, inoltre, ai temi della violenza assistita da parte del minore, del percorso rieducativo dell’uomo maltrattante e delle vittime di violenza doppiamente vulnerabili.
Il corso si propone di contribuire alla formazione degli iscritti, sia da un punto di vista teorico che pratico, consentendo loro di esaminare direttamente, per il tramite delle testimonianze degli operatori del settore, tra cui magistrati, forze dell’ordine, psicologi, operatori sociali, funzionari della pubblica amministrazione, le maggiori criticità connesse al fenomeno della violenza di genere.

Le domande di ammissione dovranno essere presentate entro il 7 marzo 2018 con le modalità indicate dal bando allegato.
La selezione avverrà sulla base dei curricula e dei titoli presentati dal candidato al momento della presentazione della domanda di ammissione.
Il Corso è aperto a un massimo di 60 partecipanti.

***

Corso di perfezionamento in Merito e parità di genere nella corporate governance delle società partecipate dalla pubblica amministrazione

Scopo primario del corso, che trae origine dall’approvazione della legge n. 120 del 2011 sul riequilibrio di genere negli organi societari, è contribuire alla formazione di quanti siano interessati ad entrare a far parte dei cda e degli organi di controllo di società partecipate dalla pubblica amministrazione, o comunque ad approfondire la tematica, anche alla luce delle più recenti novità legislative. Il percorso formativo mira a valorizzare merito e competenze, intendendo fornire una adeguata preparazione sulle specificità delle società partecipate, sul rapporto con l’istituzione pubblica, sui compiti e le responsabilità, giuridiche ed etiche, degli amministratori. Un approfondimento specifico riguarderà poi proprio il tema della diversità di genere nella governance, con una analisi dei miglioramenti e delle criticità ancora riscontrabili. Il programma, con lezioni di taglio teorico e pratico, prevede anche la testimonianza di professionisti che operano nei boards di enti partecipati, in particolare dal Comune di Milano, al quale è dedicato un focus specifico. La loro esperienza consentirà agli iscritti di cogliere le difficoltà incontrate quotidianamente dagli amministratori, di conoscere le dinamiche tipiche nella formazione delle decisioni, di avere contezza delle eventuali buone pratiche applicate.

Le domande di ammissione dovranno essere presentate entro il 7 marzo 2018 secondo le modalità indicate dal bando. La selezione avverrà sulla base dei curricula e dei titoli presentati dal candidato al momento della presentazione della domanda di ammissione.

***

Per informazioni:

Segreteria Didattica dei corsi post-laurea di Giurisprudenza

Via Festa del Perdono, 7 - 20122 Milano Tel. 02-5031.2087/2473 Fax 02-5031.2475 e-mail: infomaster.giurisprudenza@unimi.it

 

 

L'Associazione Italiana dei Costituzionalisti è iscritta al Registro degli Operatori della Comunicazione a far data dal 09.10.2013 con n. 23897.