Un nuovo lutto colpisce la nostra disciplina. Un altro Maestro ci lascia. È mancato, ora, Manlio Mazziotti di Celso.

Intere generazioni di studenti si sono formate sul Suo manuale di diritto costituzionale, scritto a quattro mani con uno dei Suoi allievi più cari. Ma moltissimi sono gli studiosi che Ne sono stati direttamente discepoli, compiendo con la Sua guida il loro intero percorso accademico.

Manlio Mazziotti è stato giurista di rara finezza e di enorme cultura storica, capace di percorrere con sicura consapevolezza dei nessi sistematici tutti i principali itinerari del diritto costituzionale. La Sua monografia su “Il diritto al lavoro”, già sessant’anni or sono, indicava la via più corretta per affrontare la problematica dei diritti sociali, inquadrandola – cioè – nel suo giusto contesto storico. Si tratta di uno dei contributi fondamentali della scienza italiana del diritto costituzionale nel dopoguerra.

Manlio Mazzotti è sempre stato prodigo di consigli per i più giovani, anche per coloro che non erano Suoi allievi diretti. Dei quali leggeva gli scritti con attenzione pari all’apertura di pensiero, con una capacità inusitata di dialogo anche con chi non sempre la pensava come Lui. Ci mancherà. Molto.

Massimo Luciani

L'Associazione Italiana dei Costituzionalisti è iscritta al Registro degli Operatori della Comunicazione a far data dal 09.10.2013 con n. 23897.